Introspezione cosmica

Giugno 9th, 2021 | by Marcello Colozzo |

Introspezione cosmica,antonio de nardis
Acrilico su tavola 60x50 cm di Antonio De Nardis


Ciascuno di noi è, per così dire, un occhio attraverso cui l'universo contempla sé stesso.
Rudy Rucker, matematico e scrittore.

L'Arte di Antonio De Nardis prende forma non solo da un tentativo ben riuscito di Degeometrizzazione del Reale, ma anche da un'interpretazione quasi ontologica dei più inquietanti quesiti sulla nostra esistenza e del suo rapporto con l'Universo. Incidentalmente, la presenza simultanea di "occhi esploratori" rappresenterebbero l'esistenza di osservatori indipendenti così cari al metodo galileiano che ha consentito lo sviluppo della scienza moderna. Ma la fisica quantistica ci insegna che l'osservatore non svolte più il ruolo di "ente distaccato dal sistema fisico in istudio" (a scala submicroscopica). Egli è parte integrante di tale sistema, e per dirla con il fisico J. Wheeler, la denominazione adatta è partecipatore anziché osservatore.... Ma la vera domanda innescata dall'opera di De Nardis è: cosa succederebbe se più osservatori "sovrapponessero" i propri risultati di singola misura?.

Si badi che tecnicamente tale questione è quasi un nonsense, ma da un punto di vista artistico, aprirebbe nuovi e drammatici scenari...

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)

Tags: ,

Articoli correlati

Commenta l'esercizio