beylikdüzü eskort

evden eve nakliyat

klima kombi servisi

[¯|¯] Valor medio e valore efficace di una funzione

sabato, Marzo 4th, 2017

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace


Generalizziamo le nozioni esposte nel post precedente.

Assegnato l'intervallo [a,b] quale sottoinsieme di R, poniamo

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

Come è noto, C([a,b]) assume la struttura di spazio vettoriale su R, introducendo le usuali leggi di composizione:

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

e relativi assiomi. Tale spazio vettoriale può essere strutturato come spazio euclideo introducendo la forma bilineare:

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

che verifica gli assiomi di prodotto interno (o prodotto scalare). È facile persuadersi che tali assiomi sono automaticamente verificati dalla seguente forma:

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

D'altra parte tale definizione è ben posta, giacché la continuità delle funzioni f e g garantisce l'esistenza dell'integrale definito che compare a secondo membro. Si osservi che tale forma definisce il prodotto scalare standard, in quanto è la naturale generalizzazione al continuno del prodotto scalare standard di uno spazio euclideo n-dimensionale

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

poiché la variabile discreta k viene rimpiazzata dalla variabile continua x. L'introduzione del prodotto scalare ci permette di definire ortogonalità e lunghezza (norma) degli elementi di C([a,b]):

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

Come è ben noto dall'analisi funzionale, per definire una metrica (i.e. funzione distanza) non è necessario introdurre un prodotto scalare. È però sufficiente; infatti è facile convincersi che la grandezza

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

verifica gli assiomi della funzione distanza. Per inciso, ancora una volta siamo in presenza di una generalizzazione al continuo. Infatti, in uno spazio euclideo n-dimensionale, la distanza tra due punti la cui posizione è definita dai vettori:

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

è
analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

che ammette l'ovvia generalizzazione al continuo:
analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

Ciò premesso, la disuguaglianza di Schwartz lega il valore assoluto del prodotto scalare di due vettori alle rispettive norme. Sussiste infatti il seguente teorema di cui omettiamo la dimostrazione:
Teorema (Disuguaglianza di Schwartz)
analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

In particolare

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

La seconda parte del teorema è interessante, nel senso che vale l'uguaglianza solo se uno dei due vettori è il vettore nullo, oppure nel caso di parallelismo di f e g. Consideriamo ora la media integrale di f in [a,b]:

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

che chiamiamo semplicemente valore medio di f. Per il teorema della media:

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

Definizione 1
Chiamiamo valore efficace di f in [a,b] il numero reale non negativo

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,valore efficace

Da tale definizione si ha la seguente relazione

analisi funzionale,disuguaglianza di Schwartz,valor medio,va <a class='ecae-link' href='http://www.extrabyte.info/2017/03/04/valor-medio-e-valore-efficace-di-una-funzione/'>read more</a></p>
<div class=



[¯|¯] Appunti di Analisi funzionale

domenica, Novembre 20th, 2016

analisi funzionale,spazi di hilbert, spazi di banach, norma,metrica,prodotto scalare

Anche se è incompleto, pubblichiamo ugualmente questo file che può essere trattato alla stregua di un handbook, anche se per ora contiene ben 120 pagine. Si parte dalla definizione di spazio topologico, passando poi per gli spazi con misura (per ora solo quella di Peano - Jordan e non di Lebesgue). Quindi si affronta la questione degli spazi metrici, spazi vettoriali normati con la spinosa questione della completezza, finendo negli read more




istanbul escort porno izle