beylikdüzü eskort

evden eve nakliyat

klima kombi servisi

Annunci AdSense






Splitting del multiverso e la coscienza dell'osservatore/sperimentatore

Luglio 23rd, 2020 | by Marcello Colozzo |

multiverso,meccanica quantistica,interpretazione a più mondi
Immagine tratta da questo sito web.

Sul comportamento schizofrenico della coscienza dello sperimentatore dovuto allo splitting del multiverso nel paradigma della Many Worlds Interpretation, ne avevamo parlato tempo fa, anche se in modo diverso.

Riassumendo: nel caso particolare del gatto di Schrödinger, l'universo si riproduce in due copie U1 e U2. Se U1 è l'universo in cui il gatto è vivo, in U2 è necessariamente morto. In questo paradigma, non si verifica il collasso della funzione d'onda per la semplice ragione che ora non abbiamo più un solo osservatore/sperimentatore bensì due, ciascuno in ogni copia di universo. Denotiamo con O1 e O2 i predetti osservatori. Per quanto precede, per O1 il gatto è vivo, mentre per O2 il gatto è morto. Seguendo una interessante argomentazione di R. Penrose nel suo libro La strada che porta alla Realtà, lo stato "gatto vivo" è entanglend al "percipiènte gatto vivo" (cioè O1); analoga conclusione per O2.

Metaforicamente parlando, è come se ci fosse uno "sdoppiamento di personalità", anche se rimane insoluto il seguente problema: come mai facciamo esperienza di una sola copia di universo? Osserviamo poi che il ragionamento precedente si generalizza facilmente al caso di un'osservabile con infiniti autovalori discreti. In questo modo, la coscienza dell'osservatore si sdoppierebbe in infinite copie.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)

Tags: , ,

Articoli correlati

Commenta l'esercizio

istanbul escort porno izle film izle