Annunci AdSense






[¯|¯] Degeometrizza eternamente

dicembre 24th, 2017 | by Marcello Colozzo |

antonio de nardis,arte,matematica
Opera di Antonio De Nardis

Dio de-geometrizza eternamente

Matematica e Arte sono due aspetti diversi del medesimo processo cognitivo. Semplicemente, è l'Universo che ci parla attraverso codifiche differenti.

Un reset totale della monografia su Antonio De Nardis. Non sono capace di scrivere in real-mode: preferisco uno stile visionario, il solo in grado di catturare l'essenza della Realtà, proprio come fece Escher con i suoi paradossi percettivi e in ultima istanza, A. De Nardis attraverso una non-geometria Si tratterà, dunque, di una sorta di recensione visionaria attraverso un diario, proprio come nel caso di Cronache dal Clash bar.

Esiste un demiurgo che ingabbia le coscienze in subdole forme geometriche, per poi fagocitarle. Sarà un Angelo liberatore a distruggere tali forme, liberando il flusso di coscienza.

Di seguito il primo capitolo:

La lavagna spazio-temporale

Sconosciuti Senza Volto scrivevano su una lavagna raccogliendo le proprie idee in un diagramma spazio-temporale, dove tumultuosi pensieri solidificavano in bizzarre forme corporali. Un insieme di corpi e menti non slegati, ma uniti dalla manifestazione dell'Ego. Brevi transienti fagocitati dal flusso del Tempo che distruggeva le strutture, ma non l'Essenza che traboccava dal diagramma spazio-temporale. Essa era ovunque e al contempo in alcun luogo. Ma gli sconosciuti Senza Volto perpetuavano le strutture ingabbiandole nel diagramma spazio-temporale, in quanto avidi di materialità. E così, materia ed energia danzavano all'unisono incarnando il supremo nutrimento degli sconosciuti Senza Volto.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)

Tags: , ,

Articoli correlati

Commenta l'esercizio